FALO' DELLE VANITA'

L’installazione di tre metri evoca la sera di martedì grasso, 7 febbraio 1497, quando il frate Savonarola e i suoi seguaci bruciarono in Piazza della Signoria migliaia di oggetti considerati impuri, peccaminosi, immorali, che a loro giudizio potevano generare vanità appunto. Tra questi oltre a specchi, cosmetici, vestiti lussuosi, anche strumenti musicali, manoscritti, numerosi disegni e dipinti. In soccorso arrivano gli estintori (Caravaggio, Bernini, Canova, Burri...) che dominano le fiamme, controllando e spegnendo il gran fuoco, proprio con la loro successiva sana vanità artistica e il loro genio che sopraffà chi tenta di dar fuoco all’arte per distruggerla.

Perchè L’ARTE NON ARDE MAI. LOADING ART TO SAVONAROLA!